Grazie alla convenzione stipulata tra la Federazione Ordini
Architetti PPC Emilia Romagna e le Università della regione, si apre
una duplice opportunità professionale, per gli studi che cercano
collaboratori e per i neolaureati.

Gli studi d’architettura potranno accogliere i neolaureati per
un tirocinio formativo che consentirà loro di sostituire la prova
pratica all’esame di abilitazione.

In sinergia con tutti gli Ordini dell’Emilia Romagna e sulla
base di un regolamento già attuato nelle regioni Veneto, Toscana e
Liguria, la Federazione Ordini degli Architetti PPC Emilia Romagna ha
firmato una convenzione con le Università di Parma e di Ferrara per
l’avvio del tirocinio formativo dei neolaureati in architettura.
Prossimamente tale accordo sarà siglato anche con le Università di
Bologna e di Forlì-Cesena.

Secondo il protocollo firmato entra in vigore la possibilità per il neolaureato di effettuare un tirocinio formativo di 900 ore, presso uno studio professionale, in sostituzione della prova pratica dell’esame di stato. Gli studi professionali che si renderanno disponibili ad accogliere i tirocinanti saranno inseriti in un elenco stilato dall’Ordine competente sul territorio.

Si tratta di una svolta fondamentale nell’introduzione
all’esercizio della professione, con cui Parma si adegua al modello
già sperimentato con successo in altre città italiane.

Diversamente da quanto accadeva fino a oggi, grazie
all’intermediazione dell’Ordine, gli studi professionali alla
ricerca di risorse umane potranno entrare in contatto con i futuri
architetti, contribuendo direttamente alla loro formazione, anche in
vista di collaborazioni successive.

Allo stesso modo, il neolaureato in architettura potrà affrontare
l’esame di Stato con esperienza e competenza diretta sulle
questioni pratiche dello svolgimento della professione, completando
il percorso di studi fornito dall’Università. Scegliendo il
tirocinio, il neolaureato potrà affacciarsi al mondo del lavoro ed
entrare in contatto con le realtà professionali del suo territorio.

Compito dell’Ordine sarà fare una selezione tra gli studi parmensi che si candideranno, in funzione della capacità di accogliere i tirocinanti, mettere in comunicazione le parti e fare da garante del corretto svolgimento del percorso formativo. Al termine dello stesso, l’Ordine, a fronte di un portfolio attestante le attività svolte, rilascerà un attestato, che esonererà il tirocinante dalla prova pratica e con il quale egli avrà accesso diretto alle altre prove dell’esame di Stato.

Non appena la convenzione diventerà operativa, ai primi del 2020,
l’Ordine degli Architetti di Parma aprirà una call invitando gli
studi professionali interessati a sfruttare questa grande
opportunità, candidandosi direttamente.

L’articolo In Emilia Romagna il tirocinio professionale può sostituire la prova pratica all’esame di Stato proviene da Unione Geometri.

Vai alla fonte.

Autore: Mauro Melis

Powered by WPeMatico

_________________________________

CFD FEA Service SRL è una società di servizi che offre consulenza e formazione in ambito ingegneria e IT. Se questo post/prodotto ti è piaciuto ti invitiamo a:

  • visionare il nostro blog
  • visionare i software disponibili - anche per la formazione
  • iscriverti alla nostra newsletter
  • entrare in contatto con noi attraverso la pagina contatti

Saremo lieti di seguire le tue richieste e fornire risposte alle tue domande.

Categorie: Normativa